• ss-civitacampomarano2
  • ss-verlasce
  • ss-civita-bojano
  • ss-castello-bagnoli
  • Ingresso del Castello di Civitacampomarano (Cb)
  • Il Verlasce di Venafro (Is)
  • Il Castello di Civita di Bojano (Cb)
  • Il Castello San Felice di Bagnoli del Trigno (Is)

Nella parte meridionale del centro storico di Isernia  è situato l’ex monastero benedettino di S. Maria delle Monache con l’annessa chiesa di Maria Assunta, sorti in luogo fortificato della città e del territorio, a ridosso delle mura ellenistico romane, in età alto medievale sotto il patronato di conti longobardi.

Nei secoli successivi il monastero godeva di ampio prestigio e poteva disporre di beni e proprietà fondiarie, la memoria storica di una importante comunità. Vi venivano accolte educande provenienti dalla regione e da Napoli stessa. Attualmente gli edifici, di proprietà dello Stato, ospitano, dal 1934, strutture espositive del Museo Archeologico e la Biblioteca comunale intitolata a M. Romano.

Sembra di poter individuare una continuità dal passato nel ruolo di tale complesso monumentale come polo di aggregazione, ora culturale, della città e del territorio.

Vi sono documentate le testimonianze antiche e la memoria storica una importante comunità nell’ambito del Samnium. I lavori di recupero architettonico degli edifici dell’ex convento hanno consentito di riportare in luce preesistenze archeologiche, riferibili alla stratificazione della città antica, su cui poggiano le strutture dell’edificio medievale e della chiesa. Di tale fase è stata esplorata in parte un’area cimiteriale e resti dei più antichi edifici ecclesiastici.

Nel sito si sono riportate in luce preesistenze di età ellenistico romana: terrazzamenti di aree all’interno dell’abitato con imponenti tratti di mura in opera quasi quadrata, con strutture idrauliche dell’età della colonia e del municipio romano di Aesernia. L’importanza di tali ritrovamenti; le varie sculture ed epigrafi onorarie, le iscrizioni che menzionano il “macellum”, mercato dei generi alimentari, gli elementi architettonici pertinenti a monumenti di grandi dimensioni rinvenuti nel corso del restauro monumentale, hanno fatto ipotizzare l’ubicazione in tale parte meridionale della città dell’area forense

Il Museo Archeologico: Le collezioni esposte nel Museo hanno spesso avuto origine da interventi di emergenza per lavori pubblici o da ritrovamenti casuali. Come la sala dedicata all’antiquariato di Aesernia, colonia romana fondata nella metà del II secolo. Per circa trenta anni il salone al piano superiore ha ospitato la mostra dell’insediamento paleolitico, allestita con la fondamentale collaborazione dell’Università di Ferrara, in attesa della realizzazione del Museo in località La Pineta.È in corso di elaborazione il progetto preliminare per il nuovo allestimento del Museo Archeologico di Isernia a seguito  dall'avvenuto restauro del di questo salone  e per soddisfare la necessità di rimodulare gli spazi espositivi rendendoli più accattivanti per un pubblico di non esperti; ciò anche in considerazione dell'aumentato numero di reperti da esporre grazie ai ritrovamenti degli scavi archeologici recenti.  
l Museo archeologico nasce da una raccolta comunale di manufatti lapidei provenienti dall'abitato e dal territorio circostante che fu inizialmente ospitata nell'atrio del Palazzo S. Francesco, sede del Municipio.
Solo nel 1934 il materiale viene esposto nella biblioteca civica, in un'ala dell'ex convento benedettino di Santa Maria delle Monache, con la creazione di un Antiquarium civico sotto la direzione di E. Apollonio.
La collezione si è arricchita con i successivi scavi e adesso occupa due piani del complesso monumentale benedettino di età altomedioevale. Il piano inferiore ospita la vecchia collezione civica, esposta secondo un criterio tipologico e tematico, e i risultati degli scavi della necropoli della Quadrella; nel piano superiore è esposta la mostra "I tempi del sacro. Testimonianze della religiosità nel Sannio attraverso i secoli".

GLI UFFICI
Il Complesso di Santa Maria delle Monache in parte degli ambienti al piano superiore ospita gli uffici delle tre amministrazioni  periferiche del MIBACT:

  • La Soprintendenza per i Beni Archeologici del Molise - SBA Molise
  • La Soprintendenza per i Beni  Storici  Artistici  ed Entnoatropologici - SBSAE Molise
  • La Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici del Molise - SBAP Molise

Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici del Molise

Uffici Tutela Beni Architettonici e Paesaggio

  • Ufficio Paesaggio
  • Ufficio Lavori Pubblici
  • Ufficio Amministrativo-informatizzazione